Home Food Photography Gyoza e colori analoghi

Gyoza e colori analoghi

by Silvia Censi
130 views
COLORI ANALOGHI E RAVIOLI GIAPPONESI

Ho sempre preferito le accoppiate di colori complementari, capaci di creare contrasti e interesse nell’occhio di chi osserva. Credo che continueranno per molto tempo ad essere i miei favoriti, proprio per la loro capacità di farsi notare e di regalare movimento alla composizione, valorizzandone la struttura.

Come sempre però, per divertirmi o semplicemente per provare ad uscire dalla zona di comfort, ho deciso di dare un’occasione ai colori analoghi. E dovendo provare ad entrare in questo mondo decisamente più elegante e delicato, quale soggetto migliore se non i ravioli giapponesi?!

Nella food photography, si parte spesso dal soggetto da fotografare per poi creare un immaginario come abbiamo raccontato anche in questo articolo dedicato allo storytelling. Nel caso dei gyoza, chiudendo gli occhi mi sono immaginata in una parte del mondo in cui l’armonia è alla base di ogni cosa. Partendo da questa idea, i colori analoghi sono risultati essere una scelta perfetta, proprio per la loro delicatezza.

COSA SONO I COLORI ANALOGHI

Una piccola nota: i colori analoghi sono quelli che si trovano uno accanto all’altro sulla ruota dei colori e che hanno un colore in comune. Come ad esempio il giallo e l’arancione. I colori adiacenti sulla ruota sono molto simili e tendono a fondersi perfettamente insieme creando un senso di armonia generale. Quest’ultima è data anche dal fatto che riflettono onde luminose simili.

Per sceglierli, quello che puoi fare è osservare la ruota dei colori e andare a cercare solo i tre colori adiacenti a quello principale.

COME LI HO USATI IN QUESTE FOTOGRAFIE

Nelle fotografie di questo articolo, ho deciso di accostare al giallo/beige del ravioli un beige, un colore dorato che richiamasse i semi di sesamo e delle diverse sfumature di marrone chiaro. Per evitare di ottenere un’immagine troppo piatta, ho poi inserito il piatto bianco e utilizzato il flash per creare delle ombre abbastanza scure.

In questo modo l’armonia viene esaltata da contrasti di luci ed ombre, senza andare ad intaccare il senso generale di delicatezza.

A darmi una mano, le forme morbide e circolari dei props. Ho scelto infatti un piatto e un vassoio rotondi, accompagnati da ciotole dalle linee morbide e un fondo con una texture abbastanza liscia.

L’oro è servito a dare un tono elegante a tutta l’immagine, spostandola su un piano più alto nell’immaginario comune.

UNA FRASE CHE LA DICE LUNGA
I colori non significano niente ma funzionano perché occupano uno spazio nell’immaginario delle persone” Falcinelli

Anche quando parliamo di colori, stiamo parlando di immaginario, di esperienze e vissuti che cambiano. Sicuramente ci sono cose che percepiamo allo stesso modo ma è importante ricordare in quale contesto andrai ad inserire le fotografie, quali sono le sensazioni che vuoi scatenare e soprattutto in quali persone. Questo per non rischiare di trasmettere messaggi sbagliati o incomprensibili.

Per farlo è utile ripassare la simbologia dei colori e delle forme, la storia del colore e il modo in cui si è evoluto nel tempo. Se non lo hai già letto, ti consiglio “Cromorama” di Falcinelli.

MA ADESSO LA RICETTA

Tutto questo racconto sui colori e su come i gyoza siano parte di un racconto visivo, forse ti avrà fatto venire fame 😉

E allora ti lascio alla ricetta dei gyoza a forma di fiore, con una mia libera interpretazione.

La ricetta dell’involucro è quella di Chiara e non tradisce mai!

Gyoza di carne e verdure

Gyoza di carne e verdure

COLORI ANALOGHI E RAVIOLI GIAPPONESI Ho sempre preferito le accoppiate di colori complementari, capaci di creare contrasti e interesse nell’occhio di chi osserva. Credo… Ricette gyoza, cibo internazionale, ricette orientali, food styling European Stampa la ricetta
Porzioni: 4
Valori nutrizionali 200 Calorie 20 grams Grassi

INGREDIENTI

  • Per la sfoglia:
  • 220g di farina 00
  • 110g di acqua in ebollizione
  • 1/2 cucchiaino di olio di sesamo
  • Per il ripieno:
  • 300g di macinato di manzo o maiale
  • 1 carota
  • 1 zucchina
  • 2 cipollotti
  • 1 cucchiaino di farina
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 1 cucchiaino di olio di sesamo
  • 1 cucchiaino di tamari
  • 1 cucchiaino di zenzero grattugiato
  • 1/2 cucchiaino di 5 spezie cinesi (pepe di Sichuan, cannella, chiodo di garofano, finocchio, anice stellato)
  • 1/2 cucchiaino di peperoncino
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • Per la cottura:
  • 2 cucchiaini di olio di sesamo
  • 1 cucchiaino di olio evo
  • 1 cucchiaino di salsa di soia
  • 1/2 bicchiere di acqua
  • Per servire:
  • 1 cucchiaio di erba cipollina tritata
  • semi di sesamo a piacere

ISTRUZIONI

  1. Mescolate l’acqua che avrete precedentemente fatto bollire (attenzione però a non farla evaporare) con la farina.
  2. Impastate energicamente aggiungendo l’olio di sesamo, fino a ottenere una palla liscia e omogenea.
  3. Avvolgete nella pellicola per alimenti e fate riposare in frigo per circa un’ora.
  4. Nel frattempo pelate le carote, pulite zucchine e cipollotti e preparate un trito abbastanza fine.
  5. Versate 1 cucchiaio di olio evo in padella e fate soffriggere le verdure tritate per alcuni minuti.
  6. Sfumate con 1/2 bicchiere di acqua e continuare a cuocere fino a quando sarà evaporata.
  7. Versate in una ciotola e lasciate intiepidire.
  8. Unite il macinato di maiale o di manzo, la farina, l'olio di sesamo, lo zenzero grattugiato, il tamari, le 5 specie cinesi, il peperoncino e il sale.
  9. Mescolate bene.
  10. Iniziate a stendere la sfoglia regolando la macchina per tirarla su 4 in modo che non sia troppo sottile.
  11. Utilizzando uno stampo rotondo da 7,5cm formate dei cerchi e mettete un cucchiaio di ripieno su ognuno.
  12. Ripiegate i dischi di sfoglia eliminando l'aria, inumidite i borsi esterni con acqua e schiacciate in modo da chiuderli con le classiche pieghetta. Qui trovate un video che vi mostra come fare. In questo caso io ho voluto provare la forma a fiore, trovate il video su Instagram.
  13. Scaldate olio evo e olio di sesamo in una padella antiaderente abbastanza grande, i gyoza non si dovranno sovrapporre.
  14. Disponete i gyoza e fate dorare per qualche minuto.
  15. Aggiungete la salsa di soia sciolta in 1/2 bicchiere di acqua, coprite con un coperchio e cuocete a vapore per altri 3 minuti circa.
  16. Scoprite e fate evaporare tutto il liquido prima di servire.
  17. Potete accompagnare i gyoza con salsa di soia, sesamo ed erba cipollina tritata.

Ti è piaciuto questo post? Potrebbero piacerti anche questi:

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza sulle nostre pagine. Per sapere quali dati trattiamo, scegli "Continua a leggere". Oppure, per proseguire la navigazione, clicca "Accetto". Accetto Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, scopri come fare nella cookie policy. Cliccando sul pulsante, acconsenti all'uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi